giovedì 15 dicembre 2011

Carnevali scientifici di questo ultimo periodo.

Quello appena passato è stato per me un periodo decisamente intenso e stancante, poichè ho lavorato ad un grande progetto che, spero, nei prossimi mesi darà i suoi primi frutti. 
Sono rimasta un po' assente dalla redazione del blog, soprattutto per mancanza di tempo e forze, occupate al 100% dal lavoro a scuola e dalla preparazione di questo ricco percorso che a breve non mancherò di illustrarvi.
Le idee e la voglia di scrivere però non sono mai mancate! E' stato un grande dispiacere non riuscire a mantenere questo mio piccolo impegno, anche perchè durante questo mese e mezzo passato sono stati proposti dei Carnevali scientifici con tematiche a me molto care e sulle quali avrei avuto tantissime cose da dire. Questo significa che mi rifarò a breve portandovi, seppur in ritardo, le mie esperienze correlate!

Ci tengo comunque ad illustrarvi brevemente le iniziative svoltesi nella blogsfera scientifica in questo mio periodo di assenza.

Cominciamo dal 14 novembre e cioè dall'appuntamento con il Carnevale della Matematica #43, ospitato da Pitagora e dintorni che aveva come tema "Da dove proviene la Matematica?".
Ad iniziare dall'intervista con Pitagora e dalla riflessione proposta, antica quasi quanto la storia dell'uomo, il Carnevale propone una serie di articoli e spunti curiosi che ci portano ad osservare la Matematica secondo punti di vista estremamente variegati. Alcuni divertenti, altri più seriosi, altri ancora più didattici e riferiti alla pratica scolastica a vari livelli. Insomma, un Carnevale davvero interessante e un debutto strepitoso per Dioniso, il curatore del blog, alla sua prima esperienza da ospitante!

Poi è stato il momento della seconda edizione del Carnevale dei Libri di Scienza, ospitata da Mr. Palomar lo scorso 21 novembre. Questo Carnevale è una "new entry" tra i Carnevali scientifici, ma è sicuramente un'ottima occasione di scambio e conoscenza di testi e pubblicazioni a tema scientifico per tutti i divulgatori, gli specialisti o semplicemente gli appassionati di Scienza che non sanno fare a meno di un bel testo scientifico da tenere sul comodino.
Questa seconda edizione aveva come tema "Il gioco". Davvero una tematica che mi è spiaciuto non poter approfondire, poichè molto vicina al mio campo d'interesse. Scienza e gioco sono indissolubilmente legati, così come era già stato mostrato dal precedente Carnevale della Fisica #21 (ospitato da Crescere Creativamente). Inoltre legare la Scienza all'azione di giocare è un'operazione fondamentale per noi insegnanti della scuola primaria.
Andare quindi ad individuare alcuni testi scientifici che prendessero in esame l'aspetto più ludico della Scienza è stato il compito davvero ben eseguito dai partecipanti a questo speciale Carnevale. Una proposta da non perdere per tutti gli insegnanti! Correte a leggerlo (e magari ad acquistare qualcuna delle pubblicazioni consigliate! :-) ).

Poi, il 23 novembre scorso, è stato il turno del Carnevale della Chimica #11, ospitato questa volta da Dropsea. Il tema di questo Carnevale era "Marie Curie e il contributo delle donne alla chimica". Davvero interessante, soprattutto se si pensa che nell'idea comune il "mestiere di scienziato" sia visto ancora come una prerogativa solamente maschile. Sempre interessantissimi i contributi, in particolare personalmente ho trovato davvero originalissimo il contributo di Tania Tanfoglio su Science For Passion: la storia dell'atomo a fumetti

Altro appuntamento davvero importante è stato quello del Carnevale della Fisica #31, ospitato da Gravità Zero e dallo straordinario tema "La fisica tra i fornelli". Devo ammettere che, in questo caso, non sarei davvero riuscita a scrivere un articolo degno, poichè le mie capacità culinarie sono veramente molto ridotte! :-) Però devo dire che ho avuto moltissimo da imparare da tutti i meravigliosi contributi!
Tema davvero curioso e stimolante, soprattutto perchè la "scienza in cucina" è tanto ovvia quanto poco conosciuta in termini di spiegazioni e motivazioni dirette dei fenomeni. Devo dire che nel leggere e "assaporare" gli articoli più a tema mi è davvero venuta voglia di cimentarmi in questa attività per la quale sono un po' meno portata: la scienza, insomma, può aiutare i "cattivi cuochi" a comprendere il perchè delle loro delusioni e forse a trasformarli piano piano in aspiranti chef! Io me lo auguro! :-D
Gustosi anche gli articoli "fuori tema", ma sempre davvero interessanti.

Infine ecco l'ultimo speciale appuntamento, tenutosi proprio ieri, ovvero il Carnevale della Matematica #44, ospitato da Popinga e dall'importantissimo tema: "Storia e storie della Matematica".
Devo dire che personalmente sono una grandissima appassionata della Storia della Matematica. La studio, la scopro e la utilizzo spessissimo in classe perchè credo che sia uno strumento fondamentale per permettere ai bambini di appassionarsi alla Matematica e ai suoi contenuti. Lavorare sulla Storia della Matematica, farla conoscere, scoprire come sono avvenute certe scoperte durante i secoli significa restituire alla Matematica quell'umanità e quel senso pratico che spesso a scuola si perdono nell'astrattezza e nella rigidità delle proposte didattiche. Se la Matematica è nata ed è andata costruendosi nei secoli è soprattutto a causa di un bisogno pratico dell'uomo, che poi si è trasformato in bisogno di creare e costruire con il pensiero strutture di puro ragionamento, ma che sempre in qualche modo hanno attinenza con la passione e la creatività umana ad altissimi livelli.
Mostrare a scuola i personaggi che hanno elaborato grandi idee nel pensiero matematico, raccontare le loro vite e il perchè le esperienze li abbiano portati a costruire certi ragionamenti, ha un che di fascinoso per i bambini, che tentano di immedesimarsi nelle vite di questi grandi matematici e comprendono molto meglio i concetti della disciplina, nel contesto specifico e reale in cui sono stati formulati.
Non volevo dilungarmi troppo nelle riflessioni, ma ho rimpianto molto di non aver potuto partecipare a questo Carnevale, per cui mi sono lasciata trasportare da questa personale (e passionale) digressione. :-)
Straordinari tutti i contributi presentati, da leggere a capofitto! Davvero un Carnevale degno dei suoi fautori! :-)

Complimenti a tutti! Una carrellata davvero da leccarsi i baffi!
Buona lettura.

3 commenti:

  1. Grazie per la citazione! :-) Ci sarai tra i carnevalisti del prossimo carnevale della chimica?

    RispondiElimina
  2. Il tema mi attira parecchio, devo mettere insieme qualche idea...ma credo che ci sarò! ;-)

    RispondiElimina