lunedì 30 gennaio 2012

Solstizio d'inverno - 21 dicembre 2011

Ecco qui documentata l'esperienza condotta durante il Solstizio d'inverno appena passato, in compagnia del Mappamondo Parallelo o Globo Locale.
L'attività è stata condotta nelle stesse classi quarta e terza che avevano già potuto osservare il Mappamondo durante il precedente equinozio di autunno; inoltre, in questa occasione, l'esperienza è stata proposta anche ad una nuova classe terza, che per la prima volta ha potuto scoprire le opportunità di questo strumento ed osservare tutto ciò che stava accadendo nel mondo, in quel preciso momento.


Questa volta il clima non ci ha permesso di effettuare osservazioni prolungate, tuttavia coloro che avevano già familiarizzato con il Mappamondo durante l'equinozio sono riusciti a ricordare molti dettagli riguardo all'orientamento e alla "lettura" delle informazioni che lo strumento forniva e a notare interessanti differenze rispetto all'osservazione precedente! A voi le immagini ed alcune piccole spiegazioni. :-)

Ci ricordiamo come si orienta il Globo Locale?
Con le braccia "immortaliamo" un raggio di Sole e scopriamo la direzione della nostra ombra. A proposito, rispetto a quella di settembre si è molto allungata!
Giro giro tondo...osserviamo il mondo...! :-)
Cosa succede al nostro mondo, in questo momento?
Posizioniamo il Professor Solarius in piedi sopra a Cremona, come noi.
Ecco, sull'India è sera.
Il Polo Nord è completamente al buio!
E il Polo Sud? Proviamo ad osservarlo!
Il Polo Sud è tutto illuminato!
Proviamo a segnare con un pennarello la linea che separa la luce dal buio.
E' proprio vero: il Polo Sud è tutto illuminato, mentre il Polo Nord è al buio! A settembre non era così!
Ecco la linea del tramonto.
E da questa parte la linea dell'alba.
La linea che separa la luce dal buio durante l'equinozio tagliava a metà la Terra passando per i due Poli. Questa volta non passa dai due Poli, anzi, ne lascia uno tutto illuminato (Sud) e l'altro tutto al buio (Nord)!
Questa linea taglia sempre a metà la Terra, ma stavolta in una direzione un po' "strana".
Oggi inizia l'inverno. Ma sarà così in tutto il mondo?
Ci ricordiamo il nome della lunga linea (segnata anche in rilievo) che sembra tagliare a metà la Terra nel punto "più largo"? Equatore! Ecco, l'Equatore abbiamo detto che taglia a metà la Terra in due "mezze sfere" che vengono chiamate Emisfero Nord (quello al cui centro c'è il Polo Nord) ed Emisfero Sud (quello al cui centro c'è il Polo Sud). Osserviamo cosa sta accadendo nei due emisferi.
Nell'Emisfero Sud in questo momento la zona illuminata è molto più grande, rispetto a quella al buio! A settembre le due zone erano della stessa ampiezza!
Se una zona così ampia è illuminata, significa che il Sole sorgerà prestissimo la mattina e tramonterà tardissimo la sera, proprio quello che succede quando da noi è estate! Vuoi proprio dire che mentre noi siamo qui al freddo, dall'altra parte del mondo sono in costume da bagno sulla spiaggia? Esatto! Nell'emisfero Sud oggi è il primo giorno d'estate! Chissà come passeranno Natale e Capodanno... Magari facendosi un bel bagno nel mare...
E invece nell'Emisfero Nord che succede? Qui la zona illuminata è molto più piccola di quella al buio. A settembre le due zone erano della stessa ampiezza, ma adesso no!
Questo significa che il Sole sorge tardi la mattina e tramonta presto al pomeriggio. Il clima sarà quindi più freddo ed infatti qui da noi oggi è il primo giorno d'inverno! E' l'opposto! A settembre sembrava che i due emisferi funzionassero allo stesso modo, ma ora si può osservare bene come i due emisferi siano opposti. Quindi, se il nostro ragionamento è esatto, per noi il 21 settembre iniziava l'autunno (che è la stagione che viene prima dell'inverno). E invece dall'altra parte del mondo cosa succedeva? Se ora per loro inizia l'estate, significa che lo scorso 21 settembre per loro iniziava la primavera (cioè la stagione che viene prima dell'estate!). E' un bel grattacapo questo mondo!
Proviamo adesso a posizionare i nostri omini stecchini nelle varie parti del mondo, come avevamo fatto l'altra volta. Vi ricordate? Eravamo riusciti a trovare un posto in cui un omino era senza ombra! Sì, stava sull'equatore! Proviamo allora a vedere se anche stavolta all'Equatore non c'è ombra!
In qualunque luogo posizionato sull'Equatore l'ombra c'è (ed è orientata verso nord!). Però siamo riusciti ad individuare lo stesso un luogo del mondo in cui l'omino stecchino non aveva ombra! Eccolo lì! Come facciamo a specificare in quale luogo del mondo si trova l'omino? Proviamo ad avvicinarci al mappamondo e a cercare se ci sono delle indicazioni più precise.
Ecco! L'omino senza ombra si trova su una linea tutta tratteggiata, che assomiglia a quella dell'Equatore (è più corta, ma è parallela a quella dell'Equatore) e si chiama Tropico del Capricorno! Piano piano l'omino per continuare ad essere "senza ombra" si dovrà spostare, ma rimarrà sempre sul Tropico del Capricorno. Capricorno? Anche mia zia è del Capricorno! Perchè l'hanno chiamata così questa linea? Al di là dei segni zodiacali che a volte ci ingannano, oggi si dice che si entra nel segno del Capricorno... Più avanti capiremo meglio perchè... :-)

Nessun commento:

Posta un commento