Shut the box!

Ecco un divertentissimo gioco matematico che stimola la logica, la strategia e le abilità di calcolo: Shut the box!

Shut the box è un semplice gioco da tavolo, che si può acquistare online a pochi euro o in negozi di vario genere. Io ne ho preso uno in formato mini (una sola postazione giocatore) e uno maxi (con quattro postazioni di gioco) da Tiger (la scatola maxi l'ho pagata attorno ai 7 euro).


Questo gioco si può iniziare a realizzare da fine prima oppure da inizio classe seconda in poi. Noi abbiamo iniziato a giocarci proprio in classe seconda.

Shut the box è composto da una scatola contenente due dadi che si possono lanciare e 10 listelli di legno che si possono alzare o abbassare, sui quali sono scritti i numeri da 1 a 10.


Ecco le regole del gioco.
Si gioca in due, in tre oppure in quattro...non c'è un vero limite di giocatori! 
All'inizio del gioco tutti i listelli-numeri sono alzati. Il primo giocatore lancia i due dadi e osserva i numeri usciti. 

Ad esempio, escono 6 e 2.

A questo punto, può scegliere una delle seguenti mosse: 

- può decidere di abbassare il numero formato dalla loro somma: 6 + 2 = 8, cioè il numero 8

- oppure può decidere di abbassare i due numeri usciti: 6 e 2

- oppure (regola più "furbetta"!) può decidere di abbassare altri numeri (due o anche più di due) che, sommati insieme, diano sempre come somma 8: ad esempio 3 e 5, oppure 1, 4 e 3...e così via!


Dopo aver scelto quale o quali numeri abbassare, lo stesso giocatore continua il gioco lanciando di nuovo i dadi e scegliendo nuovamente quali altri numeri abbassare. 

Lo scopo è abbassare più numeri possibili.

Quando il giocatore lancia i dadi e non riesce più in nessun modo ad abbassare i numeri, si ferma. 
I listelli-numeri rimasti alzati, sommati tra loro, daranno il suo punteggio finale. 

A quel punto, il secondo giocatore può iniziare a giocare.

Nel caso un giocatore riesca ad abbassare tutti i numeri, realizza "Shut the box!", cioè "chiude la scatola" e azzera il suo punteggio!

Vince il giocatore che ha totalizzato il punteggio minore.


In classe, abbiamo provato a giocare con pazienza ed attenzione, partendo da una fase di spiegazione delle regole fatta da me, ad un'altra di rilettura delle regole per chiarire quelle che non si erano ben capite, ad una terza fase di gioco collettivo in cui tutti i bambini della classe sfidavano la maestra 😆, per arrivare, per ultimo al gioco vero e proprio a coppie, come una sfida!


Ma come fare a giocare a Shut the box senza avere a disposizione una scatola per ogni bambino???
Su internet si trovano semplicissimi e simpatici tutorial che permettono di realizzare "the box" con un'astina e delle mollette da bucato da decorare con i numeri.

Noi invece abbiamo più semplicemente scelto di disegnare sul quaderno la fila dei 10 numeri sotto forma di rettangoli e, invece di abbassarli come nel gioco tradizionale, abbiamo deciso di colorarli.


Inoltre, per non dimenticare le mosse (e anche per non imbrogliare!) abbiamo deciso di segnare ad ogni lancio dei dadi le facce uscite dei dadi e gli eventuali ragionamenti che ci hanno fatto decidere di abbassare uno o più numeri.




Ad esempio, se i numeri usciti dal lancio dei dadi erano 6 e 2, dovevamo prima disegnare delle mini facce di dado stilizzate con questi numeri ed accanto stabilire la nostra scelta attraverso un'operazione:
- scrivevamo "6 + 2 = 8" se volevamo abbassare il numero 8;
- oppure scrivevamo soltanto "6 + 2" se volevamo abbassare i numeri 6 e 2 (era ammessa anche la scrittura "6 e 2");
- oppure, se decidevamo di abbassare un'altra coppia o gruppo di numeri che come somma desse sempre 8, accanto ai dadi scrivevamo così: "8 = 5 + 3" oppure "8 = 3 + 1 + 4" e così via... (era ammessa - ma è stata poco usata per via della lunghezza - la scrittura completa: "6 + 2 = 8 = 5 + 3")


Quando il lancio dei dadi non permetteva più nessuna mossa, accanto alla rappresentazione dei dadi scrivevamo "STOP!" e sotto scrivevamo il punteggio ottenuto. Ad esempio, se erano rimasti alzati i numeri 7 e 8, scrivevamo: "PUNTI: 7 + 8 = 15".


Nel caso fortunato in cui qualcuno riuscisse ad abbassare proprio tutti i numeri, sotto all'ultima rappresentazione facevo scrivere in grande "SHUT THE BOX!", il grido del vincitore! 😄

Nella fase di gioco collettivo abbiamo lentamente provato le varie opzioni e abbiamo anche scoperto qualche arguta strategia per non rischiare di rimanere con troppi punti alla fine della partita.
Non vi svelerò le nostre strategie, per non rovinarvi il divertimento del gioco! 😆







Poi, nel gioco individuale e di coppia, ciascun bambino ha usato i suoi due dadi (ne avevano uno che avevamo regalato noi all'inizio della classe prima ed un altro costruito da loro) per realizzare il suo gioco e, controllato dal compagno di banco, procedere nella scrittura delle varie fasi.
Per non annoiarsi troppo, i bambini procedevano contemporaneamente nel proprio gioco sui diversi quaderni, per poi confrontare il punteggio al termine dei lanci e decretare il vincitore!













Nel caso i "conti" da fare fossero troppo alti...qualche bambino ha trovato varie strategie, come quella di utilizzare la tabella dei 100 numeri che avevamo costruito qualche giorno prima! 😉




Shut the box è un gioco molto divertente, appassionante, ma anche decisamente interessante dal punto di vista matematico. Stimola le abilità di calcolo veloce, di scomposizione numerica e di visualizzazione dei numeri nella loro forma "canonica" e "non canonica". Inoltre potenzia la logica, la capacità di previsione e la strategia. Oltre che un po' di fortuna, per vincere serve un po' di abilità!


Il gioco si può proporre anche con diverse varianti. ad esempio, si possono scrivere i numeri da 1 a 15 ed utilizzare 3 dadi...oppure da 1 a 20 ed utilizzarne ben 4! Si possono "studiare" i vantaggi e gli svantaggi di ciascun gioco...si può partire da esso per valutare le probabilità di uscita dei numeri con i dadi...
...insomma ci sono moltissime possibilità di sviluppo, che credo esploreremo insieme quest'anno!


Per il momento, oltre al gioco in classe, abbiamo lasciato a disposizione le scatole "reali" di Shut the box per il gioco autonomo durante gli intervalli. Inutile dire che è diventato il gioco del momento!!! 😄


Per acquistare Shut The Box online: 




Commenti

  1. Molto interessante e dettagliato il tuo utilizzo di "Shut the box", io utilizzavo un scheda già predisposta scaricata da un blog anglosassone, http://www.starrspangledplanner.com/shut-box-building-math-fluency/, ma credo che ora ti copierò l'impostazione sul quaderno. Grazie mille per l'idea.

    RispondiElimina

Posta un commento