Tavola pitagorica...gigante!

Ecco la nostra Tavola Pitagorica...quasi completa!!! Così come la abbiamo costruita in classe seconda... 


Ora che abbiamo conosciuto ormai quasi tutte le tabelline, ho deciso di introdurre questo importantissimo strumento, facendolo costruire sia ai bambini individualmente (per avere una Tavola Pitagorica per sé), sia in classe, in formato gigante appeso al muro.
Per ora abbiamo costruito solo le parti che conosciamo...ma abbiamo scoperto che in realtà non ci manca poi molto per finire il lavoro sulle tabelline!

Ho appeso al muro una tavola pitagorica gigante vuota e ho dato loro una tabella bianca, da ritagliare e incollare su cartoncino colorato (al termine del lavoro le plastificheremo). 
Ho scelto di non far scrivere loro i numeri, ma di far incollare sulla tabella delle strisce (allo stesso modo abbiamo fatto in classe) con le numerazioni di ciascun numero, in modo da poterle visualizzare chiaramente riga per riga e scoprire poi in seguito che le stesse tabelline potevano anche essere lette in colonna! 

Ogni volta che ricordavamo una numerazione estraevamo la striscia corretta che veniva ritagliata e incollata sulla Tavola Pitagorica, cercando di rimanere nei quadretti, con un po’ di attenzione e precisione. 












Allo stesso modo, in classe, alcuni bambini venivano a incollare la striscia sul cartellone. Così la vedevano comporsi e formarsi man mano e potevano scoprire facilmente una delle modalità di lettura.

La Tavola Pitagorica da parete è praticamente identica a quella individuale di ciascun bambino, se non per le dimensioni. 
È anche molto colorata e bella da vedere. I bambini dicono che assomiglia a un arcobaleno! 

Ah, abbiamo volutamente lasciato bianca la striscia della numerazione dello 0, perché lo zero è proprio...un po’ sciocchino! E azzera tutti i risultati! 
Pensa un po’...che personaggio!














Abbiamo completato insieme la Tavola fino alla striscia del 7, perché le tabelline di 8, 9 e 10 non sono state ancora “ufficialmente” presentate. 
I bambini però si sono accorti del fatto che le tabelline potevano essere lette anche in verticale, ciascuna in una colonna. 

Inoltre da sempre diciamo che leggere 3x8 o 8x3 è la stessa cosa perché il risultato è lo stesso!
Per cui i bambini hanno detto che anche le ultime tre strisce potevano essere completate, almeno parzialmente. 

Abbiamo quindi attaccato la striscia delle tabelline di 8, 9 e 10 fino al “x7”, cioè fino al punto in cui potevamo conoscere i risultati (grazie alla proprietà commutativa)!

Ma poi i bambini hanno giustamente detto che una tra queste tabelline era davvero “troppo facile e scontata”! Per cui hanno giustamente preteso di incollare la sua striscia completa! È la tabellina del 10, davvero molto intuitiva!
Hanno anche voluto completarla in verticale, applicando l’80 e il 90 nell’ultima colonna.














Così la nostra Tavola Pitagorica è quasi completa. Ci mancano da conoscere solo 4 moltiplicazioni! È pochissimo!!! 
Davvero interessante!


Qualche bambino ha già svelato dei “trucchi”, o meglio, delle strategie per conoscere anche i risultati che ci mancano...ma per ora lasciamo ancora il buco e vedremo come si riempirà in fretta!

Alcuni hanno inoltre iniziato ad accorgersi che la Tavola è...simmetrica!!! Rispetto alla diagonale, di qua e di là si trovano gli stessi numeri! 
Che sia possibile quindi “tagliarla a metà” per fare prima??? Ne riparleremo...


Sul quaderno abbiamo brevemente descritto l’esperienza, dicendo che è ancora in fase di costruzione...

Abbiamo anche detto che...il nome “Tavola Pitagorica” ci ricorda un nostro grande “amico” conosciuto poco tempo fa: Pitagora!!! 
Che sia proprio lui l’inventore di tale oggetto?

Per ora questa domanda rimane un mistero...che tra pochi giorni sarà svelato! Rimanete anche voi in attesa, come i bimbi???

Commenti