martedì 24 ottobre 2017

Il trionfo dello Zero!

Sul numero di Gulliver di Ottobre avrete trovato il mio percorso matematico per i bambini di classe prima.

Qui vi mostro meglio come ho fatto a realizzare l'attività sul "Trionfo dello Zero", utilizzando qualche immagine. 

Prima di tutto abbiamo letto insieme più volte la filastrocca di Gianni Rodari "Il Trionfo dello Zero" e mimata, per coglierne il senso.
La filastrocca è simpatica ed inoltre aiuta i bambini così piccoli a comprendere che lo Zero magari non vale nulla...ma se occupa una precisa posizione, allora acquista tutto un altro significato e diventa un personaggio rispettabile, importante e addirittura ricercato! 

Dopo aver letto la filastrocca, mi è venuto in mente di rappresentare la situazione in un modo particolare, non con il solito disegno.
Ho preparato (con la mia super super taglierina, indispensabile!) uno Zero e un Uno per ogni bambino utilizzando il cartoncino (si può tranquillamente far fare a loro usando un modello di cartone da contornare e ritagliare!). 

Poi ho fatto incollare l'Uno sul quaderno e ho fatto disegnare attorno ad esso un'automobile, sulla quale quest'ultimo occupasse il posto del passeggero. A destra, il posto del conducente era libero (ho fatto disegnare il volante).
Poi, senza attaccarlo, ho fatto disegnare sullo Zero una faccia sorridente e felice da una parte e una faccia triste e sconsolata dall'altro.
Infine ho usato lo scotch per attaccare allo Zero un filo di nylon, che è stato applicato nella parte alta della pagina.

Così, insieme, abbiamo giocato con lo Zero tristissimo fuori dall'auto, che però appena saliva in auto per dare un passaggio al signor Uno, diventava felice e sorridente, perchè insieme i due formavano il numero 10! Grande rispetto!








I bambini si sono divertiti moltissimo nella realizzazione e nel gioco e per me è stato utile poter verificare dove posizionassero lo Zero felice e triste, in modo da farmi un'idea rispetto al prerequisito della struttura (e scrittura) corretta di un numero di due cifre.

E così, ecco il signor Zero: da triste, solitaria e inutile nullità...a grande e stimato personaggio che procura gioie e immediato incremento di valore se posto alla destra delle altre cifre! 
Il nostro modo per rappresentarlo "intercambiabile" e "in auto", alla splendida maniera raccontata da Rodari è stato un successo! Un'auto che va da 0 a 10 in meno di due secondi! 
Simpatico questo signor Zero! Forse così non lo scorderemo più! 

Nessun commento:

Posta un commento