In diretta streaming...dalla cattedra!!! :-D

I giorni scorsi mi sono dovuta inventare questo sistema per una bella attività che stavamo facendo in classe, in modo che potesse almeno avvicinarsi ad essere un'esperienza laboratoriale (date le restrizioni covid di quest'anno!). Siccome ci è piaciuto moltissimo e ci è sembrato davvero utile, lo condivido!

Purtroppo quest'anno le limitazioni che necessariamente dobbiamo rispettare sono tali da non permettere attività laboratoriali vere e proprie come gli altri anni. Non si possono condividere materiali, è sempre necessario maneggiare oggetti disinfettati o comunque farlo previa igienizzazione delle mani, non si possono fare lavori di gruppo o attività varie di condivisione (tutte cose a cui i miei alunni erano abituati).

Io è dal primo di settembre che dico che quest'anno sarà l'anno della creatività, perché dovremo imparare a reinventare nuove modalità di fare scuola e nuove metodologie "di emergenza" da mettere in atto in questi mesi per cercare comunque di realizzare a scuola attività coinvolgenti e attive, pur in completa sicurezza.

Ebbene, è emerso un problema matematico con i bambini che volevamo risolvere praticamente. In una situazione normale avrei organizzato i bambini in piccoli gruppi, avrei dato a ciascun gruppo un po' di materiale e avrei detto di maneggiarlo e di osservare che cosa succedeva.

Ora tutto ciò è impossibile. Se non nelle situazioni in cui si può costruire tanti materiali singoli per ciascun alunno (vedi il mio post precedente).

Nella situazione in cui ci siamo trovati in classe, però, non era proprio possibile costruire un "kit" per ciascuno (poi vi racconterò con calma e nel dettaglio qual era l'attività specifica...per ora consideratela irrilevante!).

Insomma...come fare? Rinunciare all'attività? Beh...io non sono una che rinuncia così facilmente!!! Però sicuramente serviva una modalità sicura e un po' più rigida per portare a termine un'attività pratica come quella che avevamo in mente...

Quindi...ho escogitato questo curioso sistema per risolvere la questione: farci dare una mano dalle nuove tecnologie!!!

In sostanza che cosa abbiamo fatto? Ho portato comunque alcuni "kit" di materiale da utilizzare. L'ho riposto in buste singole dopo averlo igienizzato. Poi ho chiamato due bambini per volta alla cattedra, ho chiesto loro di indossare la mascherina e igienizzarsi le mani e di posizionarsi ciascuno a un lato opposto della cattedra. Infine...ho estratto una WEBCAM!!!



Dato che, in questi termini, l'esperienza sarebbe stata utile e sicuramente compresa appieno solo dai bambini che potevano maneggiare il materiale e svolgere direttamente l'attività, ma si sarebbe completamente perso tutto dal posto, ho pensato di coinvolgere IN DIRETTA tutti i compagni della classe, attraverso la videoregistrazione di ciò che stava accadendo tra le mani dei compagni e proiettandolo immediatamente sulla LIM.

Certo, mi direte voi, non è la stessa cosa!!! E lo so benissimo! Ma mi è sembrato un buon compromesso per non perdere la possibilità di maneggiare il materiale pratico e osservare direttamente che cosa stesse accadendo di matematico in quella situazione, esattamente come succede durante un'attività in piccolo gruppo.

Mentre i bambini svolgevano l'attività ai due lati opposti della cattedra, io, indossando mascherina e visiera, tenevo la webcam tra le mie mani e filmavo che cosa stavano facendo, in modo da mostrarlo in diretta ai compagni seduti al posto. La webcam aveva una buona risoluzione e permetteva una visione chiara e nitida (la mia in particolare è questa, ma basta una buona webcam di nuova generazione), la LIM ingrandiva l'immagine in modo che tutti potessero ben vederla, anche dai lati dell'aula e in più il fatto che la webcam fosse mobile e non fissa mi permetteva di fare diverse inquadrature per visualizzare meglio da ogni angolazione ciò che i bambini stavano svolgendo (un'osservazione non statica, ma in movimento, dunque...quasi come essere lì accanto!).










Inutile dire che per i bambini questa trovata è stata fantastica! Riuscivano a seguire ogni mossa dei compagni ed anche a dare indicazioni o suggerimenti su cosa fare nello specifico per portare a termine l'attività così come avevamo in mente!

Scherzandoci su, mi hanno detto: "Maestra, possiamo seguire questa attività IN DIRETTA STREAMING...DALLA CATTEDRA!". 😆😆😆

Non troppo vicini, ma neanche troppo lontani, insomma! Nel rispetto di ogni norma, ma tentando comunque di lavorare, come sempre, in modalità pratica e laboratoriale!







Una variante (che abbiamo già pensato) potrebbe essere quella di fissare la webcam a un supporto rialzato (ad esempio il braccio che tiene il proiettore della LIM), in modo da mostrare in modo più chiaro e fermo un momento che si vuole condividere. In questo caso si sarebbe un po' più statici e mancherebbe la possibilità di osservare da più angolazioni, ma in certi casi avere un punto di vista stabile potrebbe essere un vantaggio.

Chiaramente questa attività può essere svolta anche in momenti successivi da più bambini, a rotazione, in modo da coinvolgere tutti. Ripeto, so che non è la stessa cosa di un lavoro di gruppo autentico in cui tutti mettono insieme le mani per operare, ma in un periodo di emergenza e di restrizione come questo, questa strategia mi è sembrata una valida e più che accettabile alternativa!

Una nuova "metodologia della creatività", insomma!

Provate anche voi a realizzare le vostre attività laboratoriali...in diretta streaming! 😉

Commenti

  1. SocialWebBe: informazioni, guide, news e consigli dal mondo del Digital Marketing per esplorare il mondo del marketing digitale in tutte le sue sfaccettature. L’obiettivo è aiutare attività, professionisti del marketing digitale e novizi del settore alla comprensione di questo immenso mondo. Buona lettura su SocialWebBe.socialwebbe.it

    RispondiElimina

Posta un commento